23 settembre 2019. Giornate dedicate a Giancarlo Siani | Una sala al pan per la memoria di Giancarlo e delle vittime innocenti della criminalità in Campania

Lunedì, 23 settembre è ricorso il 34° anniversario della morte di Giancarlo Siani, cronista de Il Mattino, ucciso dalla camorra sotto casa mentre era ancora al volante della sua Mehari. Numerose le iniziative che si sono svolte in memoria di Giancarlo.

In mattinata, presso le Rampe Siani, la deposizione di fiori con la partecipazione del Sindaco del Comune di Napoli, dei rappresentanti delle istituzioni locali e di tanti giovani studenti. A seguire, presso il Palazzo Arti di Napoli, la famiglia Siani ha presentato alla stampa la Fondazione Giancarlo Siani, presieduta dal giovane Gianmario Siani, nipote di Giancarlo, e, con presidente onorario, Geppino Fiorenza, coordinatore delle iniziative dedicate a Giancarlo.

Infine, l’inaugurazione della Sala della Mehari di Giancarlo Siani e Sala della Memoria. Uno spazio del PAN, fortemente voluto dalla Fondazione Polis, con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, allestito con stile museale, che accoglie la Mehari di Giancarlo, una sua mostra fotografia e un memoriale delle vittime innocenti della criminalità in Campania, composto da 180 foto della mostra #NONINVANO, volti di vittime innocenti, e dall’allestimento delle due volte della Sala con tutti i nomi delle vittime innocenti della criminalità in Campania. A completare questo memoriale, un pannello, donato dall’associazione Ossigeno, raffigurante i volti e i nomi dei 28 giornalisti uccisi dalle mafie, dal terrorismo e in missioni all’estero.

A seguire, la cerimonia di premiazione del Premio Siani alle scuole partecipanti al Premio e ai 5 scrittori premiati per il loro impegno civile e professionale attraverso la scrittura.

A conclusione della giornata del 23 settembre, la visita del presidente della Camera, Roberto Fico alla Sala della Mehari e della Memoria, accompagnato da Paolo Siani e da Carmen Del Core, presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità.